mercoledì, Dicembre 8, 2021

Quando la Creatività gioca a nascondino.

Arriva improvvisamente e ti sorprende sempre, anche se sai che il momento sarebbe arrivato. Ora è arrivato e devi farci i conti.

È il momento in cui la creatività ti abbandona.
Lo vivi di fronte ad un foglio bianco che aspetta i tuoi pensieri, le tue parole, i tuoi disegni.
Lo vivi quando stai cercando l’immagine giusta, ma non riesci a trovarla perché non sai cosa stai veramente cercando.
Lo vivi quando senti la testa riempirsi di cose inutili, come numeri, pensieri, ricordi e mille e mille distrazioni.
La vita è così, a volte va fuori controllo e non funziona come dovrebbe.

Ora, c’è da dirlo, la creatività non ci abbandona, è più probabile che si sia nascosta, magari solo perché vuole giocare a nascondino con noi e riconquistare quell’intima complicità che le stiamo negando. Forse solo un modo per farsi desiderare, farsi riscoprire, per farsi amare e apprezzare nuovamente.

Il fatto è che troppo spesso diamo la creatività per scontata, come se fosse una cosa dovuta, come se fosse qualcosa che ci è stata data e che deve comportarsi, a comando, come noi vogliamo e, soprattutto, quando vogliamo, per farci fare sempre bella figura.

In realtà, la creatività ha un’anima, che poi è la nostra, ma ce lo dimentichiamo.
Un’anima che ha bisogno di essere coccolata ogni giorno e che ha bisogno del nostro impegno, per renderci persone capaci di pensare, di avere idee, di fare un buon lavoro, magari anche di sentirci vivi.
Gli studi scientifici, la filosofia, la psicologia, ci dicono che la creatività è una dote legata alla capacità di guardare oltre gli schemi, di essere curiosi con la realtà che ci circonda, soprattutto una dote legata al saper guardare le cose con occhi diversi, rinunciando a qualcosa di noi per avere in cambio una nuova prospettiva, una nuova realtà.

Chi fa un lavoro in cui le doti creative sono importanti, dovrebbe ricordare sempre che la prima regola del pensiero creativo è quella di evitare di concentrarsi solo su se stessi, di evitare di mettere al centro solo le proprie idee.
La creatività è un momento di espansione della mente che deve, per forza di cose, andare oltre a quello che si è, per essere curiosi di scoprire cose nuove, con una buona dose di coraggio.

Se vuoi puoi condividere questo articolo, magari con un tuo commento.

Articolo precedenteCapolinea.
Articolo successivoRaccontarsi agli altri, veramente.
Il bello di un sogno nel cassetto è aprire il cassetto e realizzarlo. La comunicazione e il marketing, in momenti diversi, aiutano a rendere la propria idea di impresa qualcosa di reale e per cui, poi, vale la pena dedicare le proprie energie. Il mio lavoro è aiutare le imprese e i professionisti a raccontare la loro idea, il loro modo di lavorare, il loro modo di essere e, in questo modo, renderle uniche. Mi occupo di comunicazione da tanti anni.

Ultimi Articoli

Articoli Correlati